Il Sorriso di Maria

INCONTRO CENACOLO 50 AVE MARIA 7 MAGGIO 2018

Incontro 7 Maggio 2018

Nel mese di marzo sono state donate 32071 Ave Maria per l’intenzione del cenacolo

Inoltre Dal 26 al 28 aprile abbiamo pregato per la guerra in Siria portando alla Casa Santa Maria Goretti a Medjugorje un assegno di 4400 Ave Maria per il trionfo del cuore immacolato di Maria

dal mese di Febbraio al mese di Aprile abbiamo donato Ave Maria per un MOSAICO di preghiera prefissandoci di donare, alla nostra Mamma Celeste 120.000 Ave Maria per questa intenzione:

“APERTURA DEI CUORI DEI POLITICI DELLE PROVINCE DI: PESCARA, TERAMO, CHIETI, CAMPOBASSO, PISTOIA ED IMPERIA”

 

ALL’APPUNTAMENTO ERANO PRESENTI 8 persone di cui 2 nuove .

Una di queste, durante il pellegrinaggio dal 28 aprile al 4 maggio 2018, e dopo una catechesi di padre Silvano, al rientro si è iscritta al nostro cenacolo facendone parte da subito.

Successivamemte sono stato contattato da un’altra persona, sempre presente a quella catechesi, che si è voluta iscrivere al nostro Cenacolo,”IL SORRISO DI MARIA”, E DONARE INSIEME A NOI AVE MARIA PER LE INTENZIONI DELLA REGINA DELLA PACE.

Grazie cara Mamma per queste grazie.

 Commento al messaggio a Mirjana 2 Maggio 2018

Giovedì, 03 Maggio 2018

1° decina il messaggio:

Cari figli, mio Figlio, è luce d’amore, tutto ciò che ha fatto e fa, l’ha fatto per amore. Così anche voi, figli miei, quando vivete nell’amore e amate il vostro prossimo, fate la volontà di mio Figlio. Apostoli del mio amore, fatevi piccoli, aprite i vostri cuori puri a mio Figlio affinché possa operare per mezzo di voi. Con l’aiuto della fede riempitevi di amore. Però, figli miei, non dimenticate che l’Eucarestia è il cuore della fede: è mio Figlio che vi nutre con il suo Corpo e vi fortifica con il suo Sangue; è il miracolo dell’amore; è mio Figlio, il vivente, che nuovamente viene per vivificare le anime. Figli miei, vivendo nell’amore voi fate la volontà di mio Figlio e Lui vive in voi. Figli miei, il mio desiderio materno è che lo amiate sempre di più. Lui vi chiama con il Suo amore, vi dona l’Amore perché lo diffondiate a tutti coloro che vi circondano. Per il suo Amore sono con voi come Madre affinché vi dica parole d’amore e di speranza, affinché vi dica parole di vita eterna che vincono sul tempo e sulla morte, affinché vi inviti ad essere miei apostoli d’amore. Vi ringrazio.

2 decina
mio Figlio, è luce d’amore, tutto ciò che ha fatto e fa, l’ha fatto per amore.

Che cosa è l’amore per il vangelo è chiaro, è una persona: Gesù! Tutto quello che ha fatto e come lo ha fatto è amore. Pensiamo ad esempio, come Gesù ha realizzato le opere di misericordia che lui stesso ci ha raccomandato nel vangelo di Matteo: “ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.” (Mt 25,34-36). Noi avevamo fame di speranza e Gesù ci ha saziato, avevamo sete di luce ed egli ci ha dissetato; eravamo diventati forestieri ed egli ci ha aperto il Paradiso, eravamo malati nel corpo e nello spirito ed è venuto a portarci la salute, eravamo prigionieri del maligno e del peccato ed è venuto a liberarci offrendoci il suo perdono, eravamo nudi, il peccato ci ha spogliato della dignità, e lui nel battesimo ci ha rivestito di un abito di grazia. Quel battesimo gli è costato tantissimo ma ce lo ha donato ugualmente: non c’è un amore più grande di colui che offre la sua vita per i suoi amici.

decina
Per il suo Amore sono con voi come Madre, affinché vi dica parole d’amore e di speranza, affinché vi dica parole di vita eterna che vincono sul tempo e sulla morte,

L’amore di Gesù si comunica a noi anche attraverso la mediazione di coloro che lo hanno accolto. Il suo amore materno ci arriva attraverso Maria: il pellegrino che riparte da Medugorje, spesso non vorrebbe andarsene così presto, perché in Maria ha sperimentato la consolazione materna che viene da Dio. Attraverso la presenza di Maria a Medugorje, Gesù viene a visitare chi è prigioniero di tante dipendenze, a fasciare le ferite di tanti cuori spezzati, attraverso Maria, Egli nutre con abbondanza gli affamati di speranza, donandoci “parole di vita eterna che vincono sul tempo e sulla morte”. Attraverso questa mamma l’amore di Gesù arriva ai peccatori, non li giudica ma offre loro il suo perdono, attraverso di lei aiuta i figli smarriti a ritrovare la strada. La presenza di Maria a Medugorje è un grandissimo dono dell’amore di Gesù.

decina
Lui vi chiama con il Suo amore, vi dona l’Amore perché lo diffondiate a tutti coloro che vi circondano.

È desiderio di Gesù arrivare con il suo amore alle persone che fanno parte della nostra vita, a quelle che incontriamo ogni giorno, attraverso di noi e insieme con noi. Maria ci ha detto che Gesù la invia a Medugorje “perché ci inviti ad essere suoi apostoli d’amore”; questo coinvolgerci nel suo disegno di amore, questo condividere con noi la sua missione, è, ancora una volta, grande amore. È possibile amare come Gesù ama? È possibile essere una mediazione del suo amore come lo è Maria? Apostoli del mio amore, fatevi piccoli, aprite i vostri cuori puri a mio Figlio affinché possa operare per mezzo di voi. “Lui deve crescere e io diminuire” direbbe Giovanni Battista. Nel nostro cuore dobbiamo fare spazio a Gesù, coltivare la sua presenza, come si coltiva un seme nell’orto, con la stessa cura dobbiamo togliere spazio al terreno incolto e alle erbacce, quindi innaffiare e proteggere quel seme di amore, che la provvidenza ha già posto in noi nel battesimo. In questo modo è l’amore di Gesù che cresce in noi e porta frutto, non siamo più noi a vivere ma Cristo vive in noi. Se dedicassimo solo una piccola parte del tempo e delle cure che dedichiamo al nostro lavoro, per coltivare questo seme divino presente in noi, già nella nostra vita si vedrebbero meraviglie.

decina
Con l’aiuto della fede riempitevi di amore. Però, figli miei, non dimenticate che l’Eucarestia è il cuore della fede: è mio Figlio che vi nutre con il suo Corpo e vi fortifica con il suo Sangue; è il miracolo dell’amore; è mio Figlio, il vivente, che nuovamente viene per vivificare le anime.

Nell’eucaristia è Gesù stesso che ama ciascuno di noi come amava Maria, come amava i suoi apostoli, come amava coloro che incontrava nelle strade della Palestina. Come per loro, così anche per noi, è la fede in Gesù il terreno fertile che consente al suo amore di operare in noi e attraverso di noi. Quando riceviamo Gesù in un cuore puro, confessato, in grazia di Dio, il suo amore in noi cresce e si rafforza. Quando partecipiamo con fede a momenti di adorazione eucaristica, allora la presenza di Gesù è per noi come la rugiada del mattino che fa maturare in noi il suo amore, fino a diventare pane da poter condividere con gli altri.

Il Signore Gesù vi benedica sempre

p. Silvano