Il Sorriso di Maria

INCONTRO Cenacolo del 3 dicembre 2018

ERANO PRESENTI ALL’INCONTRO 12 ADULTI  MEMBRI DEL CENACOLO E 1 BIMBO.  LO SCORSO MESE ABBIAMO DONATO LE AVE MARIA PER:

IL GRUPPO HA DONATO 48185 AVE MARIA PER QUESTA INTENZIONE.

 

L’Associazione chiede a tutti i Cenacoli in questo mese di dicembre, a pregare per: L’APERTURA DEL CUORE AI PROGETTI DI MARIA, DELLE PERSONE CHE DECIDONO, ATTRAVERSO LA PROGRAMMAZIONE DELL’”INTELLIGENZA ARTIFICIALE DEI SOCIAL” QUALI CONTENUTI, ALTRI DUE MILIARDI DI PERSONE POSSONO O NON POSSONO VEDERE.

Quello che ci chiede è rispondere tutti insieme, come Associazione alla richiesta di Maria di aiutarla a far conoscere l’amore di suo Figlio a tanti. Quanti cuori di questi “programmatori” potrà aprire la preghiera unanime dei nostri 1000 Cenacoli? 20, 40, 100, 200… non lo sappiamo, ma sappiamo che dietro ciascun “programmatore” ci sono centinaia di migliaia di persone, SOPRATTUTTO GIOVANI, che vedono la realtà filtrata dalle loro scelte, e se anche pochi di questi “programmatori” diventassero collaboratori dei progetti di Maria, ciò sarebbe sufficiente a far giungere la luce dell’amore di Gesù a milioni di persone.

Il Signore Gesù vi benedica con un bellissimo cammino di Avvento
p. Silvano

GRAZIE A TUTTI PER L’IMPEGNO CHE DATE A MARIA.

Cari figli…Come singoli… non potete fermare il male che vuole regnare nel mondo e distruggerlo. Ma per mezzo della volonta’ di Dio tutti insieme con mio Figlio potete cambiare tutto e guarire il mondo… (Apparizione a Mirjana 2 agosto 2011)

COMMENTO AL MESSAGGIO, 2 DICEMBRE 2018 di Padre SILVANO ALFIERI

1 decina:
Cari figli, quando venite a me come Madre con cuori aperti e puri, sappiate che vi ascolto, vi incoraggio e soprattutto intercedo per voi presso mio Figlio. So che desiderate avere una fede forte e manifestarla nella maniera corretta. Ciò che mio Figlio vi chiede è una fede sincera, forte e profonda, allora qualsiasi modo di professarla è corretto. La fede è un segreto meraviglioso che si conserva nel cuore, è tra il Padre Celeste e tutti i suoi figli, e si riconosce grazie ai frutti e all’amore che avete verso tutte le creature di Dio. Apostoli del mio amore, figli miei, abbiate fiducia in mio Figlio, e aiutatemi a far conoscere a tutti i miei figli il Suo amore, voi siete la mia speranza, voi che cercate di amare sinceramente mio Figlio. Per amore della vostra salvezza, e secondo la volontà del Padre Celeste e di mio Figlio io sono qui in mezzo a voi. Apostoli del mio amore, con la preghiera e il sacrificio i vostri cuori vengano illuminati dalla luce e dall’amore di mio Figlio, e questa luce e questo amore illuminino tutti coloro che incontrate e li riporti verso mio Figlio. Io sono con voi. In particolar modo sono con i vostri pastori, con il mio amore materno li illumino e li incoraggio affinché, con le loro mani, benedette da mio Figlio, benedicano tutto il mondo. Vi ringrazio

2 decina:
Apostoli del mio amore… voi siete la mia speranza, voi che cercate di amare sinceramente mio Figlio.
Maria sta parlando di voi e ne sta parlando davvero bene, le sue sono parole di lode e di gratitudine, sono parole di stima nei vostri confronti. Maria si rivolge ai suoi apostoli e tra questi certamente voi, cari Apostoli della Pace che state cercando di aiutarla con le vostre preghiere, che state cercando di ascoltare e mettere in pratica i suoi messaggi. Molti di voi si sono avvicinati sempre di più a Gesù, in molti è cresciuto l’amore per il prossimo e lo state dimostrando attraverso tante opere di misericordia. Oggi, 2 dicembre 2018, i Cenacoli di preghiera degli Apostoli della Pace compiono 7 anni e queste parole di Maria: “voi siete la mia speranza, voi che cercate di amare sinceramente mio Figlio” le consideriamo un bel regalo di compleanno che ci incoraggia a proseguire con determinazione il cammino intrapreso.

3 decina:
Per amore della vostra salvezza, e secondo la volontà del Padre Celeste e di mio Figlio io sono qui in mezzo a voi. 

Tuttavia, anche se in molti state camminando bene, il cammino non è finito. Dio per quaranta anni ha condotto il popolo di Israele, attraverso il deserto, dalla schiavitù di Egitto alla terra promessa. Ora sta conducendo noi, con pazienza, da questa terra dove si sperimenta il male, la fragilità e la debolezza, verso la nostra salvezza, verso la piena libertà, verso la vera terra promessa che è il Paradiso. Una colonna di fuoco li precedeva, e nel deserto orientava il cammino del popolo. Maria è la luce che Dio ha posto in mezzo a noi per illuminare il nostro cammino: Per amore della vostra salvezza, e secondo la volontà del Padre Celeste e di mio Figlio io sono qui in mezzo a voi.” 

4 decina:
Apostoli del mio amore, con la preghiera ed il sacrificio i vostri cuori vengono illuminati dalla luce e dell’amore di mio Figlio.

Nel deserto Dio ha disposto per il popolo delle tappe da raggiungere e delle oasi dove riposare e riprendere le forze. Anche per noi, oggi, Dio fissa delle tappe da raggiungere e delle oasi di Grazia per ristorarci, per nutrirci e dissetarci. Il santo Natale è sicuramente una di queste tappe di grazia che la Provvidenza dispone lungo il cammino. Prepariamoci bene al Santo Natale, non succeda che ingannati da tante preoccupazioni commerciali, ci perdiamo l’appuntamento di grazia che Dio ci offre. Vale la pena, all’inizio dell’Avvento, fermarsi un momento per cercare la strada, proprio come hanno fatto i Magi, per orientarci, per trovare la via verso la culla di Betlemme dove Gesù ci attende, dove scende dal Cielo per offrirci le grazie necessarie a proseguire il cammino. Maria ci invita a prepararci con la preghiera e il sacrificio, è un invito personale, ciascuno di noi deve arrivare all’appuntamento. Vi ricordo l’importanza di farsi degli obiettivi piccoli e facilmente raggiungibili, ad esempio: Maria ci invita al sacrificio? In Avvento offrirò due digiuni, oppure andrò a confessarmi una volta all’inizio e una volta alla fine dell’Avvento. Per quanto riguarda la preghiera, aggiungerò, alla preghiera che faccio di solito, ad esempio, una messa infrasettimanale… In 20 giorni non si riesce a stravolgere le proprie abitudini, ma nel terreno delle tue abitudini e della tua vita, puoi seminare un granellino di senape di preghiera e di sacrificio che se risulterà essere della misura giusta per il tuo terreno, vedrai questo piccolo seme crescere velocemente e produrre i suoi frutti di grazia nella tua vita. 

5 decina:
Apostoli del mio amore, figli miei… aiutatemi a far conoscere a tutti i miei figli il Suo amore, voi siete la mia speranza, voi che cercate di amare sinceramente mio Figlio.
Anche per il cammino di una famiglia, di una parrocchia e di una Associazione, Dio fissa degli appuntamenti di grazia, degli obiettivi da raggiungere per crescere e realizzare la missione per cui Lui stesso l’ha fatta sorgere. Per questo, di nuovo, invito tutti i Cenacoli, in questo mese di dicembre, a pregare per L’APERTURA DEL CUORE AI PROGETTI DI MARIA, DELLE PERSONE CHE DECIDONO, ATTRAVERSO LA PROGRAMMAZIONE DELL’”INTELLIGENZA ARTIFICIALE DEI SOCIAL” QUALI CONTENUTI, ALTRI DUE MILIARDI DI PERSONE POSSONO O NON POSSONO VEDERE. Quello che vi chiedo è un sacrificio di comunione, mettere da parte per un mese la categoria che sta a cuore al Cenacolo, per rispondere tutti insieme, come Associazione alla richiesta di Maria di aiutarla a far conoscere l’amore di suo Figlio a tanti. Quanti cuori di questi “programmatori” potrà aprire la preghiera unanime dei nostri 1000 Cenacoli? 20, 40, 100, 200… non lo sappiamo, ma sappiamo che dietro ciascun “programmatore” ci sono centinaia di migliaia di persone che vedono la realtà filtrata dalle loro scelte, e se anche pochi di questi “programmatori” diventassero collaboratori dei progetti di Maria, ciò sarebbe sufficiente a far giungere la luce dell’amore di Gesù a milioni di persone.

Il Signore Gesù vi benedica con un bellissimo cammino di Avvento
p. Silvano