Il Sorriso di Maria

INTENZIONE DI PREGHIERA DEL CENACOLO MESE DI MAGGIO. ( Video diretta + TESTO )

Nel mese di maggio il gruppo cenacolo donerà le Ave MARIA per questa intenzione.

PER RIVIVERE L’INCONTRO DEL 4 MAGGIO CLICCATE SUL LINK CHE SEGUE

Video incontro

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=576144902895043&id=530308143763108

LE AVE MARIA DONATE NEL MESE DI APRILE PER L’INTENZIONE DEL CENACOLO SONO STATE 50.838

 

TESTO DEL MESSAGGIO E COMMENTO MEDITATO DURANTE L’INCONTRO

COMMENTO AL MESSAGGIO, 2 MAGGIO 2019

1 decina: CARI FIGLI, CON MATERNO AMORE VI INVITO AFFINCHÉ CON CUORE PURO ED APERTO, CON TOTALE FIDUCIA, RISPONDIATE AL GRANDE AMORE DI MIO FIGLIO. IO CONOSCO LA GRANDEZZA DEL SUO AMORE, IO HO PORTATO LUI DENTRO DI ME, L’OSTIA IN CUORE, LA LUCE E L’AMORE DEL MONDO. FIGLI MIEI, ANCHE IL MIO RIVOLGERMI A VOI È UN SEGNO DELL’AMORE E DELLA TENEREZZA DEL PADRE CELESTE, UN GRANDE SORRISO RICOLMO DELL’AMORE DI MIO FIGLIO, UNA CHIAMATA ALLA VITA ETERNA. IL SANGUE DI MIO FIGLIO È STATO VERSATO PER VOI PER AMORE. QUEL SANGUE PREZIOSO È PER LA VOSTRA SALVEZZA, PER LA VITA ETERNA. IL PADRE CELESTE HA CREATO L’UOMO PER LA FELICITÀ ETERNA. NON È POSSIBILE CHE MORIATE, VOI CHE CONOSCETE L’AMORE DI MIO FIGLIO, VOI CHE LO SEGUITE. LA VITA HA VINTO: MIO FIGLIO È VIVO! PERCIÒ, FIGLI MIEI, APOSTOLI DEL MIO AMORE, LA PREGHIERA VI MOSTRI LA STRADA, IL MODO DI DIFFONDERE L’AMORE DI MIO FIGLIO NELLA FORMA PIÙ ECCELSA. FIGLI MIEI, ANCHE QUANDO CERCATE DI VIVERE LE PAROLE DI MIO FIGLIO, VOI PREGATE. QUANDO AMATE LE PERSONE CHE INCONTRATE, DIFFONDETE L’AMORE DI MIO FIGLIO. L’AMORE È QUELLO CHE APRE LE PORTE DEL PARADISO. FIGLI MIEI, SIN DALL’INIZIO HO PREGATO PER LA CHIESA. PERCIÒ INVITO ANCHE VOI, APOSTOLI DEL MIO AMORE, A PREGARE PER LA CHIESA ED I SUOI MINISTRI, PER COLORO CHE MIO FIGLIO HA CHIAMATO. VI RINGRAZIO!

2 decina: LA VITA HA VINTO: MIO FIGLIO È VIVO!
In questo tempo la Regina della Pace fa risuonare per noi il grido di Pasqua: “LA VITA HA VINTO: MIO FIGLIO È VIVO!” Siamo davvero baciati dalla grazia, potevamo avere una testimone più credibile? Qui a Medugorje, Maria, la madre di Gesù, associata in cielo alla condizione gloriosa di suo Figlio, da quasi 38 anni, con la sua presenza e le sue parole ci testimonia che la risurrezione è vera. Ci testimonia che Gesù, luce e amore che dà la vita al mondo, è vivo. Vedere Gesù vivo e sempre all’opera, è la prima condizione per poter accogliere e collaborare pienamente con il suo amore. Sapere che è con noi ogni giorno ci aiuta a guadare con occhi sempre nuovi e pieni di fede all’Eucaristia dove lui è presente per sostenerci in questo viaggio verso la risurrezione.

3 decina: IL MIO RIVOLGERMI A VOI È UN SEGNO DELL’AMORE E DELLA TENEREZZA DEL PADRE CELESTE, UN GRANDE SORRISO RICOLMO DELL’AMORE DI MIO FIGLIO, UNA CHIAMATA ALLA VITA ETERNA… IL PADRE CELESTE HA CREATO L’UOMO PER LA FELICITÀ ETERNA
Il Padre ci ha creato per la felicità eterna, Gesù ci ha aperto la strada per il Paradiso; nel suo amore ha versato il suo sangue e chiama ciascuno di noi alla salvezza eterna. Per noi è importante fissare il nostro sguardo su Gesù risorto, perché quella condizione gloriosa è la meta della nostra vita. È importante in un viaggio sapere dove si deve andare, altrimenti si vaga, sapere dove è diretta la nostra vita ci aiuta a non smarrirci. Ci fa bene guardare la nostra vita dal punto di vista di Gesù risorto, abbiamo bisogno di sollevare il nostro sguardo dalle debolezze, dalle ingiustizie e dalle violenze presenti in questo mondo, guardare Gesù risorto significa guardare la bellezza, contemplare la giustizia, la bontà a cui ogni uomo è chiamato, contemplare Gesù risorto, è salute mentale. Qui a Medugorje, con la sua presenza quotidiana, Maria ci fa volgere lo sguardo al cielo, il pellegrino che arriva sente subito che la sua anima e il suo cuore respirano decisamente meglio. Gesù risorto ci dona una vista dall’alto della nostra vita, come vedere una città dall’alto di un aereo. Grazie al dono dello Spirito Santo possiamo avere una consapevolezza piena della nostra vita, da dove arriviamo e dove andiamo. Senza questo sguardo dall’alto si rischia di perdere la via, si rischia di considerare un piccolo ostacolo come qualcosa di impossibile da superare, mentre se guardiamo dall’alto ci accorgiamo che vicino a noi c’è una via di uscita.

4 decina: QUANDO AMATE LE PERSONE CHE INCONTRATE, DIFFONDETE L’AMORE DI MIO FIGLIO. L’AMORE È QUELLO CHE APRE LE PORTE DEL PARADISO.
Maria ce l’ha ripetuto tantissime volte, l’amore è l’unica via al Paradiso, è la chiave che ne apre le porte. In Quaresima abbiamo provato a percorrere la via dell’amore compiendo piccoli gesti di misericordia. È sufficiente leggere alcune delle vostre “lettere a Maria” che già sono arrivate, per comprendere che siamo sulla strada giusta. Provo a sintetizzare il contenuto di alcune di queste lettere: “ho aiutato una persona che mi ha detto che aveva fame, questa persona mi ha ringraziato così calorosamente che mi è rimasta impressa tutto il giorno. Mi sono sentita molto felice.” Sono andata a trovare una nonnina di 94 anni, e sono rimasta a mangiare con lei, la sua felicità è stata una ricompensa: grazie Maria per questa felicità” “ho consegnato prodotti alimentari a una famiglia in difficoltà: grazie Maria perché mi sono sentita molto felice.” Sì, con questi gesti di misericordia gli Apostoli della Pace hanno imboccato “Via della Felicità”, con all’orizzonte il Paradiso. Perciò perseveriamo, continuiamo a compiere questi gesti di misericordia che piacciono così tanto a Maria e che ci consentono di accogliere sempre meglio l’amore di Gesù. Sono piccoli gesti che riempiono il nostro cuore di gioia, e stanno diventando un piccolo fiume di grazia che dissetata tanti fratelli in cammino verso il Paradiso.

5 decina: IL PADRE CELESTE HA CREATO L’UOMO PER LA FELICITÀ ETERNA. NON È POSSIBILE CHE MORIATE, VOI CHE CONOSCETE L’AMORE DI MIO FIGLIO, VOI CHE LO SEGUITE.
Sono piaciute a Maria le lettere che le abbiamo inviato con i nostri piccoli gesti di misericordia, e attraverso questo messaggio possiamo intuire cosa risponde alle nostre lettere: “Cari Apostoli della Pace grazie per tutte le preghiere che fate per aprirmi tanti cuori, grazie per tutte le vostre preghiere per i pastori che Gesù ha scelto per la sua Chiesa. Guidati da tutta questa preghiera avete trovato il modo migliore per diffondere l’amore di mio figlio, avete trovato quale è la forma di amore più elevata: la misericordia. Questa è davvero la via che porta al Paradiso “NON È POSSIBILE CHE MORIATE, VOI CHE CONOSCETE L’AMORE DI MIO FIGLIO, VOI CHE LO SEGUITE”; perseverate e vi sentirete dire da mio Figlio: “Venite, voi, i benedetti del Padre mio; ereditate il regno che v’è stato preparato fin dalla fondazione del mondo. 35 Perché ebbi fame e mi deste da mangiare; ebbi sete e mi deste da bere;…” (Mt 25,34). Grazie cari Apostoli della Pace per l’iniziativa del “gesto di misericordia” attraverso il quale diffondete l’amore di Gesù, e attirate al Paradiso tanti cuori, desidero che tutto questo continui, si rafforzi e si accresca sempre più”.
Carissimi Apostoli della Pace vi invito a rileggere con attenzione il messaggio di Maria per vedere se riuscite a trovare un’interpretazione diversa. Il Signore Gesù vi benedica sempre
p. Silvano