Il Sorriso di Maria

Commento al messaggio a Marjia del 25 marzo 2021

DI PADRE SILVANO ALFIERI

Per visualizzare la diretta dell’incontro cliccare sul link che segue:

https://www.facebook.com/cenacoloapostolidellapace/videos/461289765108573/

COMMENTO AL MESSAGGIO DI MEĐUGORJE, 25 MARZO 2021

1^ decina: CARI FIGLI! ANCHE OGGI SONO CON VOI PER DIRVI: FIGLIOLI, CHI PREGA NON HA PAURA DEL FUTURO E NON PERDE LA SPERANZA. VOI SIETE STATI SCELTI PER PORTARE LA GIOIA E LA PACE, PERCHÉ SIETE MIEI. IO SONO VENUTA QUI CON IL NOME: REGINA DELLA PACE PERCHÉ IL DIAVOLO VUOLE L’INQUIETUDINE E LA GUERRA, VUOLE RIEMPIRE IL VOSTRO CUORE DI PAURA PER IL FUTURO E IL FUTURO È DI DIO. PERCIÒ SIATE UMILI, PREGATE ED ABBANDONATE TUTTO NELLE MANI DELL’ALTISSIMO CHE VI HA CREATI. GRAZIE PER AVER RISPOSTO ALLA MIA CHIAMATA.

2^ decina: FIGLIOLI, CHI PREGA NON HA PAURA DEL FUTURO E NON PERDE LA SPERANZA… IL DIAVOLO VUOLE L’INQUIETUDINE E LA GUERRA, VUOLE RIEMPIRE IL VOSTRO CUORE DI PAURA PER IL FUTURO E IL FUTURO È DI DIO.
Il diavolo è guerra e disperazione e vuole riempierci di inquietudine e di paura. Egli vuole approfittare di questo momento di prova per l’umanità per seminare il panico. Dio è ben più grande e più forte del male, Egli è la pace del cuore che supera ogni turbamento; Egli è vita e risurrezione e ha un futuro da offrire a ciascuno dei suoi figli e all’umanità. La preghiera è lo strumento che permette a Dio di operare in noi, per questo CHI PREGA NON HA PAURA DEL FUTURO E NON PERDE LA SPERANZA. Quanto bisogna pregare? Fino a quando nel cuore sorge il sole della grazia, fino a quando la pace prevale sul turbamento, fino a quando la speranza ridà forza al nostro camminare. Anche Gesù al momento della prova, pregava più intensamente.

3^ decina: IO SONO VENUTA QUI CON IL NOME: REGINA DELLA PACE
Gesù risorto ha inviato a questa generazione sua madre, la Regina della Pace. Lei sa come si accoglie lo Spirito Santo e come si schiaccia la testa al serpente dell’inquietudine e della disperazione. Maria sa come si collabora con lo Spirito della pace e come si diventa operatori di pace. Maria con la sua vita terrena ci testimonia che è possibile fare il nostro pellegrinaggio terreno con il cuore in pace, lei lo ha fatto! Con le sue apparizioni ci testimonia che esiste la pace e la gioia immensa del Paradiso alla quale tutti siamo chiamati. In questi quarant’anni di presenza a Medugorje Maria, con la sua pazienza e il suo amore di mamma, ha insegnato e continua e insegnare ai suoi figli come percorrere sulla terra la via della pace e come conservare nel cuore la speranza di giungere alla pace immensa del Paradiso.
La missione della Regina della Pace è molto ampia, lo testimonia anche il luogo che ha scelto per le sue apparizioni, la Bosnia-Erzegovina, che è un punto nevralgico dell’umanità. In quel piccolo fazzoletto di terra si incontrano tre mondi molto diversi tra loro: l’Occidente cattolico, l’oriente ortodosso e la cultura araba mussulmana. Maria non poteva scegliere un posto più significativo per dirci che è venuta a indicare, a popoli di religione e di cultura differenti, la via per convivere in pace. Per il momento, però, sarebbe più che sufficiente che ciascuno imparasse ad accogliere e a far crescere nel cuore la pace che il Signore offre e a diffondere quella pace attorno a sé. Questo è il punto di partenza indispensabile per collaborare con Maria e portare nella vita veri frutti di pace. Papa Francesco direbbe: “Si lavora nel piccolo, con ciò che è vicino, però con una prospettiva più ampia.” (Francesco, Fratelli Tutti, n 145).

4^ decina: VOI SIETE STATI SCELTI PER PORTARE LA GIOIA E LA PACE, PERCHÉ SIETE MIEI
Che bella conferma e che incoraggiamento vengono a tutti noi e alla missione che stiamo compiendo da queste parole di Maria: voi siete miei, che significa anche: voi mi amate, mi avete accolta, mi ascoltate; voi avete nel mio cuore un posto speciale e io ho un posto speciale nel vostro cuore e nella vostra vita. Per questo siete stati scelti per portare la pace e la gioia anche agli altri.

5^ decina: FIGLIOLI… SIATE UMILI, PREGATE ED ABBANDONATE TUTTO NELLE MANI DELL’ALTISSIMO CHE VI HA CREATI.
Pregare per le intenzioni di Maria, è una preghiera umile, è la preghiera di un bambino che non pretende di fare cose più grandi delle proprie forze ma si fida della mamma e a lei si affida. Pregare per le intenzioni di Maria significa non pretendere di imporre al mondo la propria visione di pace ma significa ascoltare e accogliere il Dio della Pace. Il 25 marzo abbiamo vissuto la giornata mondiale delle Mille Ave Maria e sono già arrivate più di 500 segnalazioni della partecipazione di Cenacoli o singoli Apostoli per un totale di oltre un milione di Ave Maria. Tutte queste preghiere sono state fatte per le intenzioni di Maria e chissà quanti frutti hanno portato. Chissà in quanti cuori Maria ha potuto scacciare l’inquietudine e portare la pace. Pregare tutti insieme per le intenzioni di Maria ci ha resi con Lei e tra di noi un cuor solo e un’anima sola, e questa, dal punto di vista evangelico, è una cosa grandiosa. Una cosa così si è potuta fare solo perché voi amate Maria, perché voi siete di Maria.
Anche il metodo che usiamo nei nostri Cenacoli, pregare perché si aprano a Maria tanti cuori, è un altro modo di compiere la missione che Lei ci affida. Grazie a questa vostra preghiera, infatti, Maria può portare in tanti cuori spenti la luce della fede e della speranza, la luce della grazia e della gioia, e in tanti cuori inquieti può deporre il dono della pace. “VOI SIETE STATI SCELTI PER PORTARE LA GIOIA E LA PACE, PERCHÉ SIETE MIEI… GRAZIE PER AVER RISPOSTO ALLA MIA CHIAMATA.”

Buona e santa Pasqua a tutti voi Apostoli della Pace e alle vostre famiglie.
Il Signore Gesù vi benedica con il dono della pace e della speranza
p. Silvano

Medjugorje: messaggio del 25 marzo 2021 a Marjia


Medjugorje, messaggio del 25 marzo 2021 a Marjia

“Cari figli!
Anche oggi sono con voi per dirvi: figlioli, chi prega non ha paura del futuro e non perde la speranza.

Voi siete stati scelti per portare la gioia e la pace, perché siete miei.

Io sono venuta qui con il nome: Regina della Pace, perché il diavolo vuole l’inquietudine e la guerra, vuole riempire il vostro cuore di paura per il futuro e il futuro è di Dio.

Perciò siate umili, pregate ed abbandonate tutto nelle mani dell’Altissimo che vi ha creati.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Medjugorje: messaggio a Mirjana del 18 marzo 2021


Messaggio del 18 Marzo 2021 a Mirjana
 
Cari figli!
Maternamente vi invito a ritornare alla gioia e alla verità del Vangelo.
ritornare all’amore di mio Figlio, poiché Lui vi attende a braccia aperte.
Affinché tutto ciò che fate nella vita lo facciate con mio Figlio, con amore.
Affinché siate benedetti.
 Affinché la vostra spiritualità sia interiore, e non solo esteriore.
Solo in questo modo sarete umili, generosi, colmi di amore e gioiosi.
E il mio cuore materno gioirà con voi.
Vi ringrazio.
 

Commento al messaggio del 25 febbraio 2021 a Marjia: Medjugorje

Di Padre Silvano Alfieri

Per visualizzare la diretta dell’incontro cliccare sul link che segue:

https://www.facebook.com/cenacoloapostolidellapace/videos/178481140492406/

COMMENTO AL MESSAGGIO DI MEĐUGORJE, 25 FEBBRAIO 2021


1^ decina: “CARI FIGLI! DIO MI HA PERMESSO DI ESSERE CON VOI ANCHE OGGI PER INVITARVI ALLA PREGHIERA E AL DIGIUNO.

VIVETE QUESTO TEMPO DI GRAZIA E SIATE TESTIMONI DELLA SPERANZA PERCHÉ, VI RIPETO FIGLIOLI, CON LA PREGHIERA E IL DIGIUNO ANCHE LE GUERRE SI POSSONO RESPINGERE.

FIGLIOLI, CREDETE E VIVETE NELLA FEDE E CON LA FEDE QUESTO TEMPO DI GRAZIA E IL MIO CUORE IMMACOLATO NON LASCIA NESSUNO DI VOI NELL’INQUIETUDINE SE RICORRE A ME.

INTERCEDO PER VOI DAVANTI ALL’ALTISSIMO E PREGO PER LA PACE NEI VOSTRI CUORI E PER LA SPERANZA NEL FUTURO.

GRAZIE PER AVER RISPOSTO ALLA MIA CHIAMATA. “


2^ decina: FIGLIOLI, CREDETE E VIVETE NELLA FEDE E CON LA FEDE QUESTO TEMPO DI GRAZIA E IL MIO CUORE IMMACOLATO NON LASCIA NESSUNO DI VOI NELL’INQUIETUDINE SE RICORRE A ME. In questi quarant’anni della presenza di Maria a Medjugorje abbiamo visto all’opera il Cuore Immacolato di Maria e abbiamo fatto esperienza dell’amore di questa mamma che non lascia nell’inquietudine nessun figlio che ricorre a Lei, anzi ci precede, Maria prega continuamente perché ciascun figlio abbia nel suo cuore la pace e la speranza. Medjugorje è tempo di grazia, un’opportunità straordinaria di pace che Dio offre ai suoi figli, alla Chiesa e a tutta l’umanità. Attraverso la presenza di Maria, a Medjugorje è Dio stesso che ci indica le vie da percorrere, come già in passato aveva fatto con il suo popolo Israele attraverso il profeta Isaia: “Dice il Signore tuo redentore, il Santo di Israele: «Io sono il Signore tuo Dio che ti insegno per il tuo bene, che ti guido per la strada su cui devi andare. Se avessi prestato attenzione ai miei comandi, il tuo benessere sarebbe come un fiume, la tua giustizia come le onde del mare. La tua discendenza sarebbe come la sabbia e i nati dalle tue viscere come i granelli d’arena; non sarebbe mai radiato né cancellato il tuo nome davanti a me (Is 48,17-19). Se davvero ascoltassimo le indicazioni di questa mamma il nostro benessere, la nostra pace e la nostra speranza sarebbero come il mare.

 
3^ decina: “CARI FIGLI! DIO MI HA PERMESSO DI ESSERE CON VOI ANCHE OGGI PER INVITARVI ALLA PREGHIERA E AL DIGIUNO. Medjugorje dunque è un talento grandissimo che Dio mette nelle mani degli uomini, anche nelle nostre. Questo talento contiene grazie di tutti i tipi, se viene trafficato con fiducia e coraggio, come hanno fatto i bravi servi della parabola dei talenti, può produrre grazia su grazia. Investito bene questo talento può generare un oceano di pace e di speranza per il cuore di ogni uomo, per le famiglie, per il mondo e per le generazioni future. Per far portare frutto a questo talento immenso, oggi, in questa Quaresima 2021, in questo momento di covid-19, Maria ci dice che bisogna pregare e digiunare: “DIO MI HA PERMESSO DI ESSERE CON VOI OGGI PER INVITARVI ALLA PREGHIERA E AL DIGIUNO”. 


4^ decina: VIVETE QUESTO TEMPO DI GRAZIA E SIATE TESTIMONI DELLA SPERANZA Come Apostoli della Pace crediamo fermamente nella presenza di Maria a Medjugorje, accogliamo con gratitudine questo tempo di grazia e cerchiamo di fare la nostra parte perché la grazia che ci è offerta porti frutto per noi e per quanti più fratelli possibile. Il percorso degli Apostoli della Pace è nato dai messaggi della Regina della Pace ed esistiamo con il solo compito di metterli in pratica, non tutti però e non sempre. Infatti, l’insegnamento di Maria è per l’umanità intera ed è troppo vasto per una sola anima o un piccolo gruppo, e questo ha un senso nel disegno di Dio; infatti si tratta di un invito alla comunione e alla collaborazione con altri che Egli chiama. Per essere veri testimoni della speranza, è necessario perciò, conoscere e compiere bene la parte, la missione che Maria ci affida. Il nostro percorso, in realtà, è nato da un solo messaggio: “cari figli pregate per le mie intenzioni … perché desidero realizzare con voi dei miei piani” (13 set 2002), e in tutti questi anni ci siamo sentiti interpellati soprattutto per la preghiera e le opere di misericordia, due settori dove ci stiamo impegnando tantissimo. Per quanto riguarda la preghiera, addirittura qualche volta vi ho definito campioni mondiali di preghiera. Ultimo esempio di questo impegno sono le circa 200 giornate di Mille Ave Maria fatte da settembre a oggi, da altrettanti Cenacoli. Tutte queste giornate di preghiera sono un piccolo miracolo, frutto del vostro impegno e della benedizione del Cielo. Per quanto riguarda il digiuno, come Associazione lo abbiamo proposto poche volte, infatti in tutti questi anni ci siamo sentiti spronati a diventare soprattutto dei testimoni di preghiera e di misericordia, questa è la parte principale che ci compete. Ciò non toglie nulla all’importanza del digiuno, e al fatto che in certe situazioni particolari come questa, anche noi siamo chiamati insieme a tutti gli altri a partecipare. 


5^ decina: VI RIPETO FIGLIOLI, CON LA PREGHIERA E IL DIGIUNO ANCHE LE GUERRE SI POSSONO RESPINGERE.

Questa Quaresima 2021, in piena pandemia, è sicuramente una delle occasioni in cui anche come Associazione siamo chiamati a partecipare oltre che con la preghiera anche con il digiuno. Maria lo chiede ben due volte in questo messaggio: VI RIPETO FIGLIOLI, CON LA PREGHIERA E IL DIGIUNO ANCHE LE GUERRE SI POSSONO RESPINGERE. Ci sono tanti Apostoli che digiunano, alcuni anche ogni mercoledì e venerdì, li ringraziamo di cuore perché il loro sacrificio produce grazia per tanti. Però, in questa circostanza siamo invitati a partecipare tutti e in comunione. Le guerre coinvolgono tantissime persone, popoli interi, spesso maturano dopo anni o decenni di ingiustizie, non possiamo pensare che il digiuno di una persona possa fermarle, infatti Maria in un altro messaggio che è alla base della nascita dei nostri Cenacoli e della nostra Associazione ci ha detto: “Come singoli, figli miei, non potete fermare il male che vuole regnare nel mondo e distruggerlo. Ma per mezzo della volontà di Dio tutti insieme con mio Figlio potete cambiare tutto e guarire il mondo.” (2 agosto 2011). Da soli si combatte contro i mulini a vento, ognuno di noi ha sempre e soltanto cinque pani e due pesci per affrontare situazioni che, a volte, ne richiedono almeno cinquemila, situazioni molto più grandi delle nostre possibilità. Ma anche questo, lo abbiamo già detto, ha una logica nel progetto di Dio, è una chiamata alla comunione e alla collaborazione. Come Associazione Apostoli della Pace desideriamo rispondere alla chiamata di Maria, perciò vi invito a partecipare, tutti insieme, il 25 marzo alla II Giornata Mondiale delle Mille Ave Maria e a offrirla per le intenzioni di Maria. È questa l’intenzione che ci unisce e che fa di noi un cuor solo e un’anima sola con Maria e con la volontà di Dio. Con la stessa intenzione invito tutti gli Apostoli della Pace che possono, ad offrire durante la Quaresima almeno un giorno di digiuno a pane e acqua e dopo averlo fatto a mettere il proprio “mattoncino” sul sito apostolidellapace.it: costruiamo insieme, nel nostro Santuario, la Cappella del digiuno: anche questo favorisce la comunione. Attraversare il deserto della Quaresima da soli può essere triste e deprimente, e si rischia di smarrirsi; affrontare questo percorso insieme a dei fratelli nella fede diventa un’avventura gioiosa ed è una garanzia per arrivare ai benefici della Pasqua. E se ancora non siamo sufficienti per fermare delle guerre, grazie a questa battaglia combattuta insieme, con le armi della preghiera e del digiuno, uniti a Maria, certamente succederà che in tantissimi cuori la pace e la speranza vincerà la guerra sull’inquietudine e la disperazione.


Il Signore Gesù vi benedica con il dono della preghiera, del digiuno e della comunione.

p. Silvano

Messaggio a Medjugorje del 25 febbraio 2021 a Marjia


Messaggio di Medjugorje, 25 febbraio 2021 a Marjia

“Cari figli! Dio mi ha permesso di essere con voi anche oggi per invitarvi alla preghiera e al digiuno.

Vivete questo tempo di grazia e siate testimoni della speranza perché, vi ripeto figlioli, con la preghiera e il digiuno anche le guerre si possono respingere.

Figlioli, credete e vivete nella fede e con la fede questo tempo di grazia e il mio Cuore Immacolato non lascia nessuno di voi nell’inquietudine se ricorre a me.

Intercedo per voi davanti all’Altissimo e prego per la pace nei vostri cuori e per la speranza nel futuro.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Preghiere a San Valentino

14 febbraio

14 FEBBRAIO

SAN VALENTINO

Valentino, cittadino e vescovo di Terni dal 197, divenuto famoso per la santità della sua vita, per la carità ed umiltà, per lo zelante apostolato e per i miracoli che fece, venne invitato a Roma da un certo Cratone, oratore greco e latino, perché gli guarisse il figlio infermo da alcuni anni. Guarito il giovane, lo convertì al cristianesimo insieme alla famiglia ed ai greci studiosi di lettere latine Proculo, Efebo e Apollonio, insieme al figlio del Prefetto della città. Mentre finora la vicenda del Santo era collocata tra il 197, data della sua consacrazione episcopale, ed il 273, data del suo martirio, rendendo difficile pensare che abbia esercitato l’episcopato per oltre settant’anni, ora la data del martirio è stata fissata intorno alla metà del IV secolo. Il suo corpo fu dai discepoli sepolto a Terni, al LXIIII miglio della via Flaminia.

PREGHIERA A S.VALENTINO

  Nel mio cuore, Signore, si è acceso l’amore per una creatura che tu conosci e ami. Fa che non sciupi questa ricchezza che mi hai messo nel cuore. Insegnami che l’amore è un dono e non può mescolarsi con nessun egoismo, che l’amore è puro e non può stare con nessuna bassezza, che l’amore è fecondo e deve, fin da oggi, produrre un nuovo modo di vivere in me e in chi mi ha scelto. Ti prego, Signore, per chi mi aspetta e mi pensa, per chi ha messo in me tutta la sua fiducia, per chi mi cammina accanto, rendici degni l’uno dell’altra. E per intercessione di San Valentino fa che fin da ora le nostre anime posseggano i nostri corpi e regnino nell’amore.  



ORAZIONE A S.VALENTINO 

 O glorioso martire San Valentino, che per la vostra intercessione liberaste i vostri devoti dalla peste e da altre terribili malattie, liberateci, vi supplichiamo, dalla peste terribile dell’anima, che è il peccato mortale. Così sia.  


PREGHIERA A S.VALENTINO 

Glorioso San Valentino, dagli splendori della gloria dove state beato in Dio, rivolgete pietoso lo sguardo sui vostri devoti, che fidenti nella potenza di intercessione che godete in Cielo per le sante opere vostre, invocano il vostro amoroso patrocinio. Benedite le nostre famiglie, i terreni e le industrie nostre, tenendo lontani da noi i castighi, che purtroppo abbiamo meritato coi nostri peccati. Ma soprattutto sostenete e avvalorate in noi quella Fede, senza la quale è impossibile salvarsi e della quale voi foste apostolo e martire invitto. Proteggete, o gran Santo, la Chiesa di Gesù nelle lotte funeste, che tanto la travagliano in questi tempi infelicissimi, e fate che sempre più cresca lo stuolo dei santi e valorosi leviti, che, informati dal vostro spirito, camminino sulle vostre orme luminose, a gloria di Dio, a onore della Chiesa, a salute delle anime nostre. Così sia.

Pater, Ave, Gloria. 

Commento al messaggio del 25 gennaio 2021 a Marjia.

DI PADRE SILVANO ALFIERI

Per visualizzare la diretta dell’incontro cliccare sul link che segue:

https://www.facebook.com/apostolidellapace/videos/753699805117962/

COMMENTO AL MESSAGGIO DI MEĐUGORJE, 25 GENNAIO 2021

1^ decina: “CARI FIGLI! IN QUESTO TEMPO VI INVITO ALLA PREGHIERA, AL DIGIUNO ED ALLA RINUNCIA AFFINCHÉ POSSIATE ESSERE PIÙ FORTI NELLA FEDE. QUESTO È TEMPO DI RISVEGLIO E DI RINASCITA. COME LA NATURA CHE SI DONA ANCHE VOI FIGLIOLI, RIFLETTETE SU QUANTO AVETE RICEVUTO. SIATE PORTATORI GIOIOSI DELLA PACE E DELL’AMORE PER STAR BENE SULLA TERRA. ANELATE AL CIELO PERCHÉ NEL CIELO NON C’È NÉ TRISTEZZA NÉ ODIO. PERCIÒ, FIGLIOLI, DECIDETEVI DI NUOVO PER LA CONVERSIONE E LA SANTITÀ REGNI NELLA VOSTRA VITA. GRAZIE PER AVER RISPOSTO ALLA MIA CHIAMATA.”

2^ decina: CARI FIGLI! IN QUESTO TEMPO VI INVITO ALLA PREGHIERA, AL DIGIUNO ED ALLA RINUNCIA AFFINCHÉ POSSIATE ESSERE PIÙ FORTI NELLA FEDE. QUESTO È TEMPO DI RISVEGLIO E DI RINASCITA.
In questo messaggio Maria ci parla di tre mete dello spirito: 1) come avere una fede più forte; 2) come star bene sulla terra; 3) come raggiungere il Cielo. È come se Maria ci sollevasse in alto, e dalla sua visuale ci facesse vedere questi “luoghi dello spirito” e le vie per raggiungerli. Il modo più semplice che mi viene in mente, per capire questo messaggio, è quello di immaginare Maria che ci guida a visitare questi “luoghi spirituali” come se fosse la visita dall’alto a una città e, con un linguaggio adatto alla visita, ci dice: “Ecco cari figli su quella collina davanti a voi c’è “PIAZZA DELLA FEDE”, da quella piazza si gode di una luce unica e di una panoramica molto ampia. Se volete gustare quella luce, potete raggiungere “Piazza della Fede” attraverso “Via della Preghiera”, se poi vi mettete a contemplarla da quell’angolo dedicato al ringraziamento: “Grazie Signore per quello che mi hai dato”, la luce di quella piazza brilla ancor di più. Per raggiungerla dovete “rinunciare” a “Via della Lamentazione” e dovete “digiunare” un pò da quei programmi televisivi, che purtroppo offuscano la luce della fede. Vi conviene raggiungere “Piazza della Fede” al mattino presto così vi accorgerete che la notte sta finendo e che questo è tempo di risveglio e di rinascita.

3^ decina: SIATE PORTATORI GIOIOSI DELLA PACE E DELL’AMORE PER STAR BENE SULLA TERRA.
Cari figli, se invece vi state chiedendo come stare bene sulla terra, come spendere la vostra vita per farne qualcosa di bello, dovete salire a “PIAZZA BEATI I MITI PERCHÉ POSSEDERANNO LA TERRA”, anche questa è una piazza molto bella, solo a metterci piede, il cuore vi si riempie di gioia e di soddisfazione. Ci si sale attraverso “Via Beati gli Operatori di Pace” oppure “Via Beati i Misericordiosi”. Queste due vie si percorrono compiendo gesti di misericordia corporali o spirituali, come ad esempio: dar da mangiare agli affamati, vestire gli ignudi, visitare gli ammalati, insegnare agli ignoranti, consolare gli afflitti… Ogni volta che con gioia fate uno di questi gesti alle persone che la Provvidenza vi mette accanto, vi avvicinate sempre più alla piazza. Cari figli vi rivelo un segreto: percorrere una di queste due vie, “Beati gli Operatori di Pace” oppure “Beati i Misericordiosi”, è il modo migliore per stare bene sulla terra, quello che da più gioia e soddisfazione.

4^ decina: ANELATE AL CIELO PERCHÉ NEL CIELO NON C’È NÉ TRISTEZZA NÉ ODIO. PERCIÒ, FIGLIOLI, DECIDETEVI DI NUOVO PER LA CONVERSIONE E LA SANTITÀ REGNI NELLA VOSTRA VITA.
Cari figli, vi ho fatto vedere due delle piazze più belle della terra, ma c’è qualcosa di molto più bello, che però si trova a un altro livello. È una piazza inimmaginabile per chi tiene lo sguardo troppo rivolto agli affari di questa terra: è “PIAZZA DEL PARADISO”. In questa piazza si entra in un’altra dimensione, non c’è tristezza né odio a offuscare la bellezza della vita. Guardate la gioia e la felicità delle persone che si trovano in quella piazza: avete mai visto nulla di simile sulla terra? Qui la vita ha i colori dell’amore, della gioia, della pace… è uno spettacolo stupendo che, colui che ci vive condivide con gli altri fortunati con una gioia incredibile. Dio ha messo, nel cuore di ciascuno, un desiderio di bene che misteriosamente lo attira verso questo luogo, è come un richiamo verso casa, occorre lasciare spazio a questo anelito, alimentarlo, non spegnerlo. Purtroppo c’è chi non ascolta questo richiamo interiore e lungo il percorso terreno si smarrisce in vie piuttosto grigie che alla fine sono senza via di uscita. Per arrivare a “Piazza Paradiso” bisogna percorrere “Via della Santità”. Se per caso vi siete smarriti o avete sbagliato strada, potete sempre prendere “Via della Conversione” che vi riporta sulla via giusta.

5^ decina: FIGLIOLI RIFLETTETE SU QUANTO AVETE RICEVUTO
È esattamente quello che la nostra Associazione sta facendo. Il 25-26-27 gennaio, ho presentato ai responsabili dei Cenacoli una catechesi dedicata alle “MILLE AVE MARIA PER LE INTENZIONI DI MARIA”. Questa preghiera è la prima grazia che abbiamo ricevuto nel 2002 a Međugorje e ci ha accompagnato lungo il nostro percorso. Oggi tantissimi Cenacoli e tantissimi Apostoli della Pace utilizzano questa preghiera con una gioia e un entusiasmo crescente, sempre più consapevoli dei grandi frutti che essa produce. Riflettere su quanto abbiamo ricevuto in questi anni, ci ha consentito di vedere come, grazie alle Mille Ave Maria per le sue intenzioni, la Regina della Pace è venuta in aiuto alla nostra debolezza nel percorrere le vie dello spirito, ci ha preso per mano e ci ha condotto per le stesse vie che nel messaggio di questo mese, di nuovo, indica a tutti i suoi figli. Ci ha condotto per “Via della Preghiera” e nei nostri cuori si è rafforzata la Luce della Fede. Queste semplici Ave Maria hanno portato nei nostri cuori tanta Pace e molti Apostoli portano la loro pace ai fratelli attraverso tante opere di Misericordia. Questa semplice preghiera ha alimentato in noi l’Anelito verso il Cielo e tanti si sono incamminati con più sicurezza sulla “Via della Santità”.
Grazie a questa preghiera c’è stata una grande crescita spirituale: tanti che non pregavano hanno percorso “Via della Conversione” e hanno iniziato a pregare prima semplici Ave Maria, poi hanno cominciato a recitare il rosario, a frequentare i sacramenti come la confessione, e la messa. Partendo da questa semplice preghiera, Maria ci ha preso per mano e ci ha fatto conoscere strade del percorso spirituale che non conoscevamo, ci ha indicato la “Via per Aprire il Cuore alla Grazia”, ci ha fatto percorrere “Via del Perdono”, ci ha insegnato una “Via per passare con Gesù dalla Croce alla Risurrezione”. Ci ha fatto dono dei Cenacoli per pregare con lei e condividere la gioia di questo cammino con altri fratelli nella fede, ora ci sta facendo percorrere “Via della Misericordia”.
“Mille Ave Maria per le intenzioni di Maria” è una preghiera di affidamento, una preghiera da bimbi piccoli, grazie alla quale questa mamma può prendere in braccio i suoi figli e, dall’alto della sua visuale, illustra a ciascuno di essi i luoghi dello spirito e come raggiungerli, a ciascuno il percorso più adatto perché la sua vita porti frutto e raggiunga la meta finale del paradiso.
Le Mille Ave Maria per le intenzioni di Maria sono una grazia, un talento che il Cielo ci ha messo tra le mani e che, utilizzato bene, può generare grazia su grazia, per i singoli, per le famiglie e per le comunità. Perciò, con grande fiducia nel dono che abbiamo ricevuto, nei prossimi anni cercheremo di “trafficare” quanto più possibile questo talento, questa bella ed efficace preghiera.

Il Signore Gesù vi benedica con una conoscenza sempre migliore delle vie dello Spirito
p. Silvano

Medjugorje: messaggio del 25 gennaio a Marjia


Messaggio di Medjugorje 25 gennaio a Marjia

“Cari figli! In questo tempo vi invito alla preghiera, al digiuno ed alla rinuncia affinché possiate essere più forti nella fede.

Questo è tempo di risveglio e di rinascita.

Come la natura che si dona anche voi figlioli, riflettete su quanto avete ricevuto.

Siate portatori gioiosi della pace e dell’amore per star bene sulla terra.

Anelate al Cielo perché nel Cielo non c’è né tristezza né odio.

Perciò, figlioli, decidetevi di nuovo per la conversione e la santità regni nella vostra vita.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata. “

Messaggio del 21 gennaio a Ivan



Messaggio del 21 Gennaio 2021 al veggente Ivan


“Anche oggi la Madonna è venuta da noi molto gioiosa e molto felice, ci ha salutato tutti con il suo saluto materno:

“Sia lodato Gesù, cari figli miei”.
In seguito ha pregato su tutti i sacerdoti qui presenti e su tutti gli ammalati.
Successivamente, si è rivolta a noi presenti qui in questa cappella con le parole:

“Cari figli, nel Vangelo, mio Figlio, molte volte ci dice le parole : venite a Me, voi tutti che siete oppressi e stanchi, e Io vi darò riposo, vi darò forza.
Anche oggi vi invito, cari figli, di venire a Lui, di incontrarlo. Decidetevi per Lui e andate con Lui verso il futuro.
In questo modo sarete al sicuro e protetti, perché questo mondo non può darvi sicurezza o pace.
Solo Lui può darvi questo. In modo speciale vi invito, cari figli, a perseverare nella preghiera.
Prego per tutti voi e intercedo davanti a mio Figlio per tutti voi.
Grazie, cari figli, per aver risposto alla mia chiamata “


Dopodiché, la Madonna ci ha dato la sua benedizione materna”